NetPaper 2/2012
I processi cognitivi indagati nelle prove OCSE-PISA
di Daniela Robasto

Attraverso le prove OCSE-PISA 2009 il contributo evidenzia come diverse abitudini di lettura tra ragazzi e ragazze concorrano, insieme ad altri fattori, a determinare un diverso grado di competenza in lettura.  Le differenze di genere nelle competenza in lettura risultano confermate per tutte e tre le sottoscale cognitive indagate da PISA, così come risultano confermate differenze nelle abitudini, negli interessi di lettura e nelle strategie di studio. 

Scarica l'articolo

Articolo Sisform 4/2011
Uso del computer e competenze PISA 2009: un confronto tra Piemonte e Puglia
di Luisa Donato

Nel 2009, l’indagine OCSE PISA a messo a disposizione una serie di informazioni sulla dotazione e sull’utilizzo dei computer in ambito educativo. L'articolo analizza i dati disponibili comparando il Piemonte alla Puglia.

Scarica l'articolo

Rapporto OCSE-PISA
Rapporto OCSE-PISA 2009 I risultati del Piemonte a confronto con le altre regioni italiane
di Paola Borrione, Luciano Abburrà, Roberto Trinchero

I punteggi medi regionali in lettura (496), matematica (493) e scienze (501) si situano sempre al di sopra della media italiana (rispettivamente 486, 483 e 489) e in linea con quella OCSE (rispettivamente 493, 496 e 501)Tuttavia il distacco dalle altre regioni del Nord, e in particolare dalla Lombardia, è più sensibile rispetto a quello delle rilevazioni precedenti.

Scarica l'articolo

NetPaper 1/2012
Il Follow-Up degli studenti Cosa accade a chi, dopo la fine di un corso di Formazione professionale, decide di proseguire gli studi?
di Luca Fasolis

Lo studio descrive i risultati di un'indagine telefonica volta a conoscere i percorsi formativi, e in qualche misura professionali, di coloro che, successivamente all'acquisizione di una qualifica o di una specializzazione, hanno deciso di proseguire gli studi. Appare positivo il riscontro in termini di miglioramento delle proprie chance occupazionali che gli intervistati attribuiscono all’investimento formativo aggiuntivo. 

Scarica l'articolo

Articolo Sisform 1/2012
La scuola piemontese: i dati provvisori dell’anno scolastico 2011/12
di Carla Nanni

Attraverso il questionario online della Rilevazione scolastica regionale le scuole piemontesi all’inizio di ciascun anno scolastico forniscono un primo dato provvisorio relativo al numero di allievi presenti nelle proprie sedi. L'articolo fornisce un primo quadro dei dati sulla scuola piemontese nel 2011/12.

Scarica l'articolo

Articolo Sisform 2/2012
La formazione per i lavoratori colpiti dalla crisi nel quadro dell’offerta 2010
di Luca Fasolis

L’articolo fornisce alcune anticipazioni rispetto al dimensionamento dell’offerta formativa della formazione professionale finanziata con fondi pubblici, insieme ad un primo sintetico approfondimento in merito agli aspetti caratterizzanti la formazione organizzata in favore dei beneficiari di ammortizzatori in deroga.

Scarica l'articolo

Rapporto FP 2011
La formazione professionale in Piemonte nel 2010
di Osservatorio Formazione Professionale

 Il Rapporto propone il quadro aggiornato dell’offerta formativa pubblica messa a disposizione dalla Regione Piemonte e dalle sue otto province: allievi e corsi svolti (o che hanno avuto inizio) nel 2010. E' stata inaugurata la formazione a contrasto della crisi strutturata con l’obiettivo specifico di favorire, in funzione delle effettive possibilità di rientro al lavoro, l’aggiornamento delle competenze o la riqualificazione professionale dei lavoratori ammessi a beneficiare degli ammortizzatori sociali in deroga (CIG e mobilità).

Scarica l'articolo

Contributo di Ricerca 242/2011
Il sistema dei servizi educativi per le scuole del Piemonte
di Silvia Crivello e Luca Davico

La ricerca presenta un primo quadro di insieme dell'offerta di servizi e strumenti educativi, messi in Piemonte a disposizione di scuole, insegnanti e allievi, da parte del settore pubblico e di altri soggetti (terzo settore e privati), ad integrazione dei percorsi formativi strettamente scolastici. La considerazione da cui muove il presente studio è che il "vero" sistema educativo di un‟area territoriale sia in realtà costituito dal complessivo quadro di contesto - sociale, culturale, istituzionale - entro cui le scuole effettivamente operano e che sostiene e integra le loro quotidiane attività.  

Scarica l'articolo