Rapporto Istruzione
Osservatorio Istruzione Piemonte 2011

L'Osservatorio Istruzione Piemonte 2011, disponibile da quest'anno nella sola edizione online, propone un'analisi del sistema dell'istruzione piemontese nell'anno scolastico 2010/11, dalla scuola dell'infanzia all'università. 
Contributi: Introduzione (di L. Abburrà); Il profilo della scuola piemontese (C. Nanni); Il sistema universitario piemontese (A. Stanchi); Osservatorio sulle riforme (C. Nanni); Percorsi professionali e tecnici nell'Indagine Pisa 2009. Il Piemonte a confronto con le regioni del Nord Italia (L. Donato); Difficile transizione laurea-lavoro: effetti della crisi o problemi strutturali? (D. Musto e A. Stanchi); Le scuole di montagna (C. Nanni)

Scarica l'articolo

Articolo Sisform 4/2012
Carenze percepite e risorse disponibili a scuola. Le risposte dei dirigenti piemontesi al questionario PISA 2009
di Renato Grimaldi

L'analisi restituisce una panoramica sulle risorse presenti e le carenze percepite dai dirigenti scolastici degli istituti che hanno partecipato all'indagine PISA 2009.

Scarica l'articolo

NetPaper 3/2012
Collaborazione scuola-famiglia per favorire percorsi socioe-ducativi
di Maria Adelaide Gallina

Attraverso le prove OCSE-PISA 2009 il contributo evidenzia come diverse abitudini di lettura tra ragazzi e ragazze concorrano, insieme ad altri fattori, a determinare un diverso grado di competenza in lettura. L'approfondimento presenta alcune analisi relative al questionario OCSE-PISA 2009 rivolto ai genitori piemontesi, che permettono di indagare gli aspetti relativi alla loro percezione e coinvolgimento nei confronti della scuola.

Scarica l'articolo

Articolo Sisform 3/2012
Difficile transizione laurea - lavoro: tutta colpa della crisi?
di Daniela Musto e Alberto Stanchi

L'articolo è dedicato alle difficoltà occupazionali dei laureati. I dati evidenziano come, negli ultimi anni, anche i laureati, il segmento più qualificato della domanda di lavoro, stentano a trovare un’occupazione, tanto più se stabile, ben retribuita e coerente con il corso di laurea seguito.

Scarica l'articolo

NetPaper 2/2012
I processi cognitivi indagati nelle prove OCSE-PISA
di Daniela Robasto

Attraverso le prove OCSE-PISA 2009 il contributo evidenzia come diverse abitudini di lettura tra ragazzi e ragazze concorrano, insieme ad altri fattori, a determinare un diverso grado di competenza in lettura.  Le differenze di genere nelle competenza in lettura risultano confermate per tutte e tre le sottoscale cognitive indagate da PISA, così come risultano confermate differenze nelle abitudini, negli interessi di lettura e nelle strategie di studio. 

Scarica l'articolo

Articolo Sisform 4/2011
Uso del computer e competenze PISA 2009: un confronto tra Piemonte e Puglia
di Luisa Donato

Nel 2009, l’indagine OCSE PISA a messo a disposizione una serie di informazioni sulla dotazione e sull’utilizzo dei computer in ambito educativo. L'articolo analizza i dati disponibili comparando il Piemonte alla Puglia.

Scarica l'articolo

Rapporto OCSE-PISA
Rapporto OCSE-PISA 2009 I risultati del Piemonte a confronto con le altre regioni italiane
di Paola Borrione, Luciano Abburrà, Roberto Trinchero

I punteggi medi regionali in lettura (496), matematica (493) e scienze (501) si situano sempre al di sopra della media italiana (rispettivamente 486, 483 e 489) e in linea con quella OCSE (rispettivamente 493, 496 e 501)Tuttavia il distacco dalle altre regioni del Nord, e in particolare dalla Lombardia, è più sensibile rispetto a quello delle rilevazioni precedenti.

Scarica l'articolo

NetPaper 1/2012
Il Follow-Up degli studenti Cosa accade a chi, dopo la fine di un corso di Formazione professionale, decide di proseguire gli studi?
di Luca Fasolis

Lo studio descrive i risultati di un'indagine telefonica volta a conoscere i percorsi formativi, e in qualche misura professionali, di coloro che, successivamente all'acquisizione di una qualifica o di una specializzazione, hanno deciso di proseguire gli studi. Appare positivo il riscontro in termini di miglioramento delle proprie chance occupazionali che gli intervistati attribuiscono all’investimento formativo aggiuntivo. 

Scarica l'articolo